SIMONE MASIA IL “VECCHIO CAPITANO” DELLA JUNIORES VALLEDORIA

In questo calcio di oggi, che corre molto velocemente, un giocatore del 1999 potrebbe essere già titolare in Nazionale, Donnarumma esempio per tutti, giocare nei vari campionati di dilettanti, aver smesso e impigrirsi in qualche bar con un bicchiere di Ichnusa oppure credere ancora in se stessi e giocare nella Juniores di una squadra di Promozione.

Simone Masia identifica il giocatore che ama il suo paese ed i colori rossoblu del Valledoria, con la squadra Juniores si sta regalando delle grandi soddisfazioni ed è sempre disponibile, con molto entusiasmo, alle convocazioni della prima squadra.

Simone quest’anno stai giocando a centrocampo, un nuovo ruolo per te, nella squadra Juniores come ti trovi?

Benissimo, penso che sia il ruolo adatto alle mie caratteristiche soprattutto con il lavoro dei due mister, Moi e Loi, sto trovando continuità.

Cosa ne pensi di questa cavalcata vincente della juniores?

Penso che questa squadra sia una delle più forti in cui abbia giocato, tutti in questa squadra ci sentiamo importanti, siamo 20 titolari entriamo in campo l’uno per l’altro e penso che sia qui tutta la nostra forza.

In prima squadra quelle volte che vieni utilizzato, Mister Falchi ti utilizza terzino come ti trovi?

Allora… non mi trovo male, però ho delle pecche nella fase difensiva che a parer mio sono grandi, però ci lavorerò se quello è il mio destino, ma in prima squadra io giocherei anche in porta.

Sei un 1999, ricordo che all’inizio di stagione avevi anche pensato di trasferirti, per trovare piu spazio cosa ti ha fatto cambiare idea?

Sarò molto sincero, io volevo trovare spazio in una prima squadra, anche se il mio vero sogno è giocare per la maglia del mio paese, non c’è cosa più bella secondo me, lotti per qualcosa a cui tieni, l’idea è stata tramutata dopo aver parlato e lavorato con i due mister della juniores.

La fascia di capitano della juniores ti responsabilizza o ti da una carica maggiore?

La fascia da capitano per me è un valore aggiunto, mi sento un esempio se ho la fascia al braccio è una carica grandissima guidare da capitano una squadra così bella.

Come vedi il tuo futuro calcistico?

Spero in un futuro di allenare, mi piace tantissimo stare a contatto con i giovani calciatori e cercare di insegnare qualcosina di importante.

Volevo ringraziare tutti comunque vadano le cose e auguro un felice anno calcistico a tutti e soprattutto al Valledoria.

Simone Masia ha un vantaggio su tanti ragazzi, la serietà, l’educazione, il rispetto e l’amore per la squadra del suo paese.

Gianni Carra

Author: VALLEDORIAOGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *